Trova il testo che ti interessa Cerca Apri il glossario Usa la calcolatrice Button

Sei in: Secondaria II grado / Tedesco

Vom Verb zum Satz

Dal verbo alla frase

Franca Quartapelle

Con questa grammatica della lingua tedesca si intende fornire agli apprendenti uno strumento di facile consultazione, costruito in base a un impianto rigoroso. Le regole della morfologia e della sintassi sono spiegate con formulazioni semplici e illustrate da numerosi esempi, in modo da essere comprensibili anche a chi la lingua tedesca sta cominciando a studiarla.

maggiori informazioni

vai ai moduli

Vom Verb zum Satz

I destinatari di questa grammatica della lingua tedesca sono giovani e adulti che – a scuola e autonomamente – studiano il tedesco per comunicare e desiderano sostenere il proprio apprendimento acquisendo consapevolezza delle regole della lingua.
In questa grammatica si illustrano le regole di base della morfologia e della sintassi con cui si costruiscono frasi tedesche corrette.
Vi si presentano regole, tabelle ed esempi e si indica come gli elementi linguistici si mettono in relazione gli uni con gli altri per esprimere significato.
La grammatica è costruita in base al modello delle dipendenze sviluppato dal francese Lucien Tesnière e ripreso da Ulrich Engel per la lingua tedesca.
Questo modello è alla base dei libri di testo per lo studio del tedesco come lingua straniera che si rifanno all’approccio comunicativo.
La grammatica delle dipendenze analizza la lingua solo sul piano formale, rinunciando alla pretesa di dare spiegazioni razionali a fenomeni che si sono sviluppati in modo spontaneo; costruisce le regole morfologiche e sintattiche in base ai rapporti che intercorrono tra le parole.
Analizzando la lingua in questo modo si è arrivati a riconoscere che la frase si costruisce imperniandosi sul verbo dal quale “dipendono”, anche se in misura diversa, tutte le altre componenti.
Le categorie grammaticali che regolano la costruzione delle frasi vengono individuate in base a due criteri:
– la capacità delle parole di combinarsi tra di loro per comporre le unità che formano le frasi, vale a dire i criteri della sintassi
– le modificazioni che le parole subiscono per mettersi in relazione le une con le altre – vale a dire i criteri della morfologia.
Nella grammatica delle dipendenze per la lingua tedesca si utilizzano categorie che in parte coincidono con quelle della grammatica tradizionale (“frase”, “nome”, “verbo” ecc.). In parte le denominazioni tradizionali vengono applicate a concetti nuovi, che si distinguono da quelli tradizionali (per esempio i concetti di “soggetto” e “articolo”). Certi termini, invece, non possono essere ricondotti a quelli che conosciamo: ciò vale per esempio per le “particelle”, che sono cosa del tutto diversa dalle particelle italiane. Certi concetti vengono del tutto esclusi, come i modi verbali, il tempo verbale “futuro”, e la “transitività/intransitività” dei verbi.
Il contenuto della grammatica Dal verbo alla frase si articola in grandi moduli:
La grammatica delle dipendenze: in questo modulo sono illustrati i concetti base che caratterizzano la grammatica delle dipendenze e la distinguono dai modelli grammaticali tradizionali.
Le parole: in questo modulo sono illustrate le caratteristiche delle diverse categorie di parole. Per le parole variabili si presentano le relative flessioni.
Le frasi e i sintagmi: in questo modulo sono contenute le regole in base alle quali si formano i sintagmi e viene indicato come si costruiscono le frasi.
E inoltre…: questo modulo contiene gli argomenti che non possono essere attribuiti in modo univoco alla morfologia (presentata nel secondo modulo) o alla sintassi (presentata nel terzo modulo). Ogni modulo si articola in capitoli. Ciascun capitolo viene introdotto da un testo letterario in cui sono messe in evidenza espressioni e frasi rilevanti per l’argomento grammaticale trattato nel capitolo stesso. Sotto il brano letterario si trova la grammatica vera e propria. Le spiegazioni sono concise tanto da essere contenuto per intero sullo schermo. Agli esempi che illustrano i singoli aspetti si accede passando con il mouse sulle righe che contengono le frasi che, insieme, compongono la regola. I moduli non devono venire affrontati in una successione predeterminata. Lo stesso dicasi per i capitoli che li compongono. Si può scegliere liberamente con quale capitolo iniziare.

Franca Quartapelle



MODULI FREE RILASCIATI CON LICENZA CREATIVE COMMONS

Chiudi il menu

  • Trova il testo che ti interessa
  • Cerca
  • Apri il blocco appunti
  • Apri il glossario
  • Usa la calcolatrice
  • I tuoi amici
  • I tuoi gruppi